Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

domenica 10 gennaio 2016

Quanti modi di fare e rifare: le chiacchiere salate di Paola

Vorrei iniziare augurando a tutti coloro che passeranno di qua un 2016 sereno… pieno di tutto ciò che desiderano. Sperando che queste feste siano stati per tutti come le mie… caotiche, affollate, piene di risate regali amici parenti bambini, con un buffo babbo natale per l’unica bambina della famiglia che ancora ci crede, finite ieri negli scatoloni con l’albero e le decorazioni, con qualche chilo in più, tanto disordine, ed il sorriso sulle labbra.



Il primo appuntamento di quest’anno con le Cuochine ci vede tutte nella cucina di Paola, per le sue croccanti e sfiziose chiacchiere salate.
Come previsto, trattandosi di un impasto salato. le farine senza glutine non mi hanno reso facile il compito. Né mi è servito molto ispirarmi alle mie chiacchiere dolci almeno nella scelta delle farine. Ho dovuto aggiustare il tiro man mano che impastavo, fino ad ottenere quelle che speravo fossero la giusta consistenza e lo spessore adatto. Il risultato non mi ha soddisfatta del tutto, credo si possa fare di meglio, ma il sapore era buono, le chiacchiere erano croccanti e leggere, forse avrebbero gonfiato di più se le avessi fritte o se avessi usato la birra come da ricetta…. ma sono famosa per avere la testa tra le nuvole, e la birra senza glutine semplicemente mi sono dimenticata di comprarla.
Passiamo alla ricetta delle chiacchiere salate, rifatta a modo mio.

Ingredienti:

175 gr di farina Mix B Schar
100 gr di farina Mix It DS Schar
75 gr di farina Glutafin Select
40 gr di olio di arachidi
3 uova
3 cucchiaini di lievito in polvere per impasti salati Colombo
1 bicchierino di rhum
80 gr di parmigiano grattugiato
Sale q.b.
Acqua q.b.

Procedimento:
Io ho usato il bimby, impastando tutti gli ingredienti ed aggiungendo l’acqua piano piano fino ad ottenere un impasto piuttosto morbido.
Ovviamente niente vieta di impastare a mano, fino ad ottenere un impasto che si lavori e si stenda bene.  

             

Stendere piccole porzioni di impasto in un rettangolo approssimativo, piegarlo in tre, stendere ancora, piegarlo ancora e stenderlo un’ultima volta.

              

Tagliare a pezzi, praticare nel centro uno o due tagli.



Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 15 minuti.


Le ho salate appena appena, e messe in tavola ancora calde. Erano gustose, friabili e croccanti, non molto gonfie purtroppo ma comunque da…


… leccarsi i baffi!!!


Prossimo appuntamento nella cucina di Anisja per le sue graffette di patate!!!