Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

lunedì 25 febbraio 2013

Le ricette di Gianna: I tartufelli

 


Non c’è più bisogno, credo, di presentare Gianna…. molte di voi ormai la conoscono, lei si presenta da sola qui, mentre io  ce l’ho nel cuore insieme al suo bellissimo sorriso.
Ho mangiato i suoi tartufelli pochi giorni fa e li ho trovati davvero buonissimi, per cui pubblico con un piacere particolare questa ricetta semplice con la quale si può fare davvero una fantastica figura.
Lascio la parola a lei Sorriso
 
foto

Con questa ricetta ho partecipato alla decima edizione de “La Pentolaccia” organizzata dall’AIC di Pisa, lo scorso 17 Febbraio.

foto (2)

I Tartufelli sono delle deliziose praline di cioccolato che, pur essendo nate come dolce estivo in quanto non prevedono la cottura in forno ma solo il raffreddamento in frigo, la mia mamma ha sempre preparato per le festicciole di Carnevale, quando io e mia sorella eravamo bambine. Hanno sempre riscosso un enorme successo perché sono poco impegnativi, sono facili da servire, e si sciolgono letteralmente in bocca. Credo di averli mangiati l’ultima volta più di 10 anni fa; mi sono tornati recentemente in mente (dopo la diagnosi…) quando mi sono improvvisamente “ravveduta” dell’assenza totale di ingredienti contenenti glutine: il sapore, secondo me delizioso, mi ha subito riconquistata, oltre a regalarmi un tuffo in emozioni e ricordi passati.
 
Ingredienti per 10-12 persone

- 100 g di mandorle pelate e tritate non troppo finemente (per un risultato migliore questa dose può anche essere aumentata leggermente)
- 100 g di burro fuso
- 100 g di cacao amaro in polvere* (io ho usato il cacao amaro Perugina, come da Prontuario AIC)
- 150 g di zucchero
- 1 albume d’uovo
- (per la copertura) codette di cioccolato (io ho usato quelle di marca Pedon, in vaschetta)*
- scodelline di carta piccole
* Gli ingredienti contrassegnati sono a rischio contaminazione, pertanto dovranno essere garantiti senza glutine.

Preparazione

Versate in una ciotola le mandorle tritate, il cacao amaro in polvere, lo zucchero e l’albume d’uovo ed amalgamate bene il tutto. Aggiungete a questo punto anche il burro fuso, mescolando, fino ad ottenere un impasto omogeneo.


foto (4)   foto (3)

Ponete la ciotola in frigo, coperta con pellicola per alimenti, per qualche ora (va bene anche tutta la notte), fino a che il composto si sarà ben rassodato.
Procedete quindi alla preparazione della palline, che dovrete formare col palmo della mano con un quantitativo di impasto non più grande di una noce.

foto (1)

Passate le palline nelle codette di cioccolato, ricoprendole, e ponete infine ciascun tartufello nella sua scodellina.

Vanno conservati in frigo fino al momento di servirli.
 
DSC_1079


Buon appetito!


Pssssssss…. sono io, Anna: giuro che sono da leccarsi i baffi!!!!!!!!





13 commenti:

  1. Anna, sono davvero buonissimi: i miei complimenti a Gianna!!
    Anche io per carnevale ho provato a farne di simili con ricotta, cioccolato e farina di cocco per panatura. A babyballerina cono piaciute molto...
    Ti abbraccio, Ellen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, con la farina di cocco mi intrigano molto! Adoro il mix cocco & cioccolato!

      Elimina
  2. Che acquolina!! Sluuurp! Mi segno subito la ricetta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando poi scoprirai quanto sono facili da fare...!

      Elimina
  3. Ma belline queste codette della Pedon! Devo cercarle visto il tuo risultato golosissimo.

    RispondiElimina
  4. Oltre ad essere belle, sono dolci e croccanti e arricchiscono il cuore cremoso del tartufello!

    RispondiElimina
  5. Ma sono bellissimi :) Mi salvo subito questa ricetta!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ciao, ho trovato per caso il tuo blog e mi incuriosisce la cucina priva di glutine, sebbene io non ne sia intollerante. Questi dolcettini sembrano ottimi,dunque ti seguirò per scoprire altre ricette!
    Se ti va passa a trovarmi, spero di avere qualcosina anche per te nel mio ricettario. In caso contrario sarà un'occasione per rimediare!
    A presto

    RispondiElimina
  7. questi tartufelli mi sembrano proprio parecchio bellini.
    bravissima gianna, un'idea da copiare alla prima occasione festaiola!

    RispondiElimina
  8. Ecco una di quelle ricette che potrebbero creare dipendenza, complimenti a Gianna!

    RispondiElimina
  9. Ciao cara complimenti per la tua ricetta...hai un blog molto carino...tua nuova follower passa da me :-)

    http://assaggi-incucina.blogspot.it/

    RispondiElimina