Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

venerdì 15 maggio 2015

Crostata di frutta


DSC_0641

Lo so, è una ricetta un po’ banale, di quelle che un po’ tutte sappiamo fare. Ma è anche bella, decorativa, fresca, sempre gradevolissima, e permette di esprimere la propria fantasia e creatività.
E poi l’ultima volta mi è venuta particolarmente buona.
E poi questo blog piange la mia assenza, e devo consolarlo.
E quindi eccola, la mia crostata di frutta.
DSC_0639

DSC_0647

DSC_0640

Ingredienti per la pasta frolla: farina Bi-Aglut per pane e paste lievitate 360 gr, zucchero 150 gr, un paio di cucchiai di scorzetta essiccata e tritata di arancio (in mancanza va bene la buccia grattata di un limone), burro ammorbidito a temperatura ambiente 150 gr, 1 uovo intero,  lievito per dolci consentito 6 gr, 1 pizzico di sale, 1 bustina di vanillina. Con queste quantità vi avanzerà un po’ di pasta, io ne ho fatto quattro mini crostatine sempre con crema e frutta.
Ingredienti per la crema pasticciera: un litro di latte, tre uova intere, tre cucchiai colmi di Maizena o altro amido di mais consentito, sei cucchiai di zucchero, vanillina, la buccia grattugiata di un limone.
Ingredienti per la decorazione: frutta a piacere. In questo caso ho usato fragole, kiwi, banane, mele, mirtilli.Per lucidare la frutta, gelatina alimentare consentita o marmellata omogenea di colore chiaro.
Procedimento: se avete uno sbattitore o un'impastatrice lavorate tutti gli ingredienti insieme finché non si forma un impasto omogeneo e senza grumi, morbido ma non molle. Se preferite, mescolate tutti gli ingredienti nello sbattitore poi versate il tutto sul piano di lavoro ed impastate a mano, usando soprattutto i palmi delle mani, senza affondare le dita nell'impasto. Ovviamente potete lavorare tutto a mano, partendo dalla classica fontana di farina al centro della quale metterete gli altri ingredienti lavorando il tutto velocemente. In questo caso però è bene che il burro sia freddo e tagliato a piccoli pezzi in modo che l’impasto non si ammorbidisca troppo il che vi costringerebbe a farlo riposare in frigo.
Ripropongo qui una sequenza già pubblicata sul mio modo di formare la base delle torte con pasta frolla in una tortiera apribile.
frolla   frolla2
frolla3   frolla4
Dividete in due l'impasto e stendetene una metà su un foglio di carta da forno. Per ottenere una sfoglia sottile senza che si incolli al mattarello o si rompa, mettete un secondo foglio di carta forno e finite di stendere l'impasto tra i due fogli.
frolla5    frolla6
Senza togliere il foglio superiore, appoggiate all'impasto la base della tortiera apribile e premete leggermente per lasciare l'impronta.
frolla7
A questo punto scoprite l'impasto e con un coltellino ritagliate il bordo della base...
frolla8
...poi aiutandovi con la carta forno appoggiatela sulla base di metallo della tortiera apribile, applicate il bordo, chiudetelo e tagliate con le forbici l'eccesso di carta.
frolla9   frolla10
A questo punto stendete l'altra metà dell'impasto nella stessa maniera (cioè tra due fogli di carta forno) e ritagliate a piccoli pezzi il bordo da applicare alla base.

DSC_0624  DSC_0626
I puntini scuri che vedete sono dati dalla buccia d’arancio essiccata e macinata, che ha dato all’impasto un sapore e profumo gradevolissimo.
Per evitare che la frolla gonfi rendendo difficile l’applicazione della crema e di una decorazione armoniosa, va bucherellata con una forchetta e poi coperta da un foglio di carta forno sul quale vanno appoggiati, così dicono gli chef, uno strato di fagioli secchi. Io non li avevo ed ho usato i ceci, direi che nessuno ha avuto da ridire.
DSC_0627
Magari non fate l’errore che ho fatto io, di metterne troppi e di non toglierli a metà cottura…. il risultato è che a fine cottura l’interno era crudo, il che mi ha costretta a rimettere in forno il tutto per finire di cuocere l’interno, e l’esterno ha cotto troppo. Il sapore per fortuna non ne ha risentito, ma come si può vedere in alcune foto la parte esterna del dolce era un po’ troppo scura.
La cottura in forno preriscaldato a 180°C deve essere di circa 25 minuti, ma dopo 15  minuti circa conviene togliere i fagioli o ceci che siano. I tempi ovviamente dipendono molto dal tipo di forno.
Mentre l’impasto cuoce, fare la crema pasticciera. La mia l’ha fatta il Bimby, ma per chi non l’avesse la ricetta è semplicissima: mettere tutti gli ingredienti in un pentolino di misura adeguata, mescolarli bene, e portare ad ebollizione a fuoco basso senza mai smettere di mescolare con la frusta. Appena addensata spegnere e far raffreddare mescolando ogni tanto per evitare che si formi la pellicola in superficie.
Una volta fredde sia la pasta frolla che la crema, riempire la base con quest’ultima e decorare con la frutta fresca ed affettata, sistemandola come la propria fantasia suggerisce. Spennellare con un velo di gelatina sciolta in pochissima acqua calda affinchè la frutta risulti lucida. In alternativa lo stesso effetto si ottiene con una marmellata di colore chiaro leggermente diluita con acqua,  ma io ne avevo solo di scure e grumose....
DSC_0646
Che dire… malgrado la troppa cottura della parte esterna della frolla, è stata letteralmente divorata con entusiasmo e manifestazioni di estremo piacere. Io non ho pensato a fotografare l’interno, troppo occupata a gustarmelo!!! Insomma ormai lo sapete…. non pubblico le mie ricette se non sono da…..
162800236-3fcdf642-390b-45d9-b10e-80ffda3fe091
… leccarsi i baffi!!!

venerdì 1 maggio 2015

Moussaka a modo mio

 

DSC_0662

 

E’ risaputo ormai, io ho delle colleghe semplicemente speciali. Una di queste, Annalisa, il sorriso più radioso e contagioso del mio reparto, mi ha dato ultimamente la ricetta di questo piatto greco e mi ha fortemente invogliata a cucinarlo.

 

Prima di comprare gli ingredienti e di mettermi ai fornelli ho fatto tuttavia un giretto su internet alla ricerca della ricetta originale…. per scoprire che ognuno ha la sua, e che in Grecia viene a quanto pare preparato in diversi modi. Così come spesso succede ho fatto mio il sistema più semplice e, visto che l’estate e la prova costume si avvicinano, anche quello più dietetico (il che parlando di moussaka è una parola piuttosto inadeguata Sorriso )

Così alla fine ho preso spunto dalla ricetta di Annalisa, evitando però di friggere le melanzane per abbassare la quantità di calorie, e usando latte scremato per la besciamella. Per il resto ho usato la sua ricetta e la sua sequenza nel mettere l’uno sull’altro gli ingredienti. Il risultato è stato un piatto profumatissimo e molto gustoso, che ricorda sia la nostra parmigiana che la nostra lasagna ma con note speziate che non ne sono tipiche. Non me ne vogliano eventuali lettori greci che probabilmente avrebbero da dire che il (il, non la come verrebbe da dire) moussaka non è  moussaka se le melanzane non sono fritte, io forse il vero moussaka non potrò assaggiarlo neanche se mi recassi in Grecia vista la presenza della farina nella besciamella, e se il mio deve essere ritenuto un surrogato…. beh, i miei ospiti lo hanno tanto apprezzato che non posso sentirmi che onorata della cosa.

Passiamo alla ricetta, quella di Annalisa pari pari escluso per la mancata frittura delle melanzane.

Ingredienti: 

- patate e melanzane (la quantità dipende ovviamente dalla grandezza, io ho usate 5 melanzane piuttosto grandi e tre patate medie)

- besciamel densa preparata con 1 litro di latte scremato, 150 gr di farina DS, 50 gr di burro, abbondante noce moscata, sale

- ragù molto ristretto preparato con 800 gr di macinato di carne di manzo magra, una salsiccia certificata senza glutine, mezzo bicchiere di vino, 750 gr di pomodoro passato, una cipolla, una carota, due gambi di sedano, una foglia di alloro, prezzemolo, noce moscata, chiodi di garofano, cannella, pepe e peperoncino, sale q.b.

- pecorino stagionato grattugiato q.b.

Procedimento:

Ho fatto tutto il giorno prima, preparando innanzitutto il ragù. La mia ricetta è semplicissima e molto profumata. Faccio un trito di tutti gli odori e li soffriggo in pochissimo olio. Aggiungo la carne macinata e la salsiccia spellata e fatta a pezzetti e faccio cuocere ed asciugare. Verso il mezzo bicchiere di vino e faccio evaporare, infine aggiungo il pomodoro passato (o pelato per chi lo preferisce), un cucchiaino abbondante delle spezie nominate (che tengo sempre ben macinate e già mescolate in un barattolino, ne parlo qui), sale qb (non troppo, il ragù cuocendo si addensa ed i sapori si esaltano). Stavolta rispetto al solito ho messo più spezie, avendo letto che il moussaka ha la caratteristica di essere piuttosto speziato. A questo punto faccio cuocere a lungo, controllando e mescolando ogni tanto, il mio ha cotto almeno un paio d’ore a fuoco basso, asciugando lentamente fino a diventare molto denso.

Nel frattempo ho spellato completamente le melanzane, le ho tagliate a fette piuttosto grosse e le ho cosparse di sale man mano che le tagliavo e le adagiavo in un vassoio. Le ho lasciate così per un’ora circa, poi le ho asciugate del liquido che hanno cacciato e le ho grigliate. Chi volesse seguire un po’ più alla lettera la ricetta originale deve friggerle fino a doratura.

Il Bimby nel frattempo mi ha preparato la besciamella…. chi non lo avesse segua la classica ricetta (la trovate qui) per prepararla, abbondando con la noce moscata ed usando un po’ più farina del solito perché a quanto ho letto e visto la besciamella usata per il moussaka deve essere particolarmente densa.

Ho grattugiato abbondante pecorino stagionato.

Infine, ho tagliato a rondelle e fritto le patate. A cose fatte direi che forse potevo evitare di friggerle, la prossima volta provo a passarle qualche minuto nel microonde.

Infine ho assemblato il tutto in una pirofila rettangolare in questa successione:

DSC_0628  DSC_0631

DSC_0633  DSC_0637

- uno strato sottile di besciamella

- un letto di rondelle di patate

- uno strato di melanzane

- uno strato di ragù

- uno strato di melanzane

- uno strato di ragù

- tutta la besciamella rimasta

- il pecorino grattugiato.

 

Ho infornato in forno preriscaldato a 200°C per 40 minuti circa, tenendo la pirofila dapprima nel basso del forno e poi nella parte alta aggiungendo un po’ di pecorino. Il tutto è pronto quando la superficie prende colore.

DSC_0648

Il giorno dopo l’ho riscaldata in forno per una decina di minuti, e l’ho usata come piatto unico preceduto da un antipasto leggerissimo e seguito da un dolce molto fresco.

DSC_0654

 

DSC_0656

 

Tutti i miei ospiti, nessuno escluso, hanno chiesto il bis e si sono ….

162800236-3fcdf642-390b-45d9-b10e-80ffda3fe091 - Copia (2)

… leccati i baffi!!!

martedì 21 aprile 2015

Polpettine di verdure con dedica


IMG_9233
♥♥♥ A Gloria… una grande donna ♥♥♥

Questo post, piccola oasi nel deserto del mio trascuratissimo blog, lo dedico ad una donna giovane, bella, forte, coraggiosa.
Gloria è una collega che ha affrontato senza risparmiarsi un dramma terribile, caricandosi sulle spalle tutto il dolore possibile, nascondendo le lacrime dietro il suo sorriso luminoso, confidando paure ed angoscia a chi impotente non aveva altra arma che abbracciarla e sostenerla senza tuttavia poter fare nulla per arrestare un destino crudele, inesorabile, che ha ucciso una per una tutte le sue speranze. Ci sono guerrieri che malgrado la loro forza, la loro determinazione, la loro voglia di vivere devono cedere le armi ed arrendersi; ci sono situazioni che vorresti disperatamente non conoscere mai nella vita, e ci sono molti modi di affrontarle e superarle. Se il guerriero ci ha dato una grande lezione di vita, Gloria ha fatto altrettanto continuando a sorridere per le persone che più le sono care, con la morte nel cuore, le lacrime agli occhi ma trovando sempre le parole giuste per aiutare chi viveva il suo dramma insieme a lei e di lei aveva disperatamente bisogno.
  DSC_0596
DSC_0601
Questa ricetta me l’ha data lei, e mi ha conquistata  per il sapore, per il profumo, per il colore, per la semplicità di esecuzione.
Un antipasto leggero, buono anche il giorno dopo e che ha quindi il vantaggio di poter essere preparato in anticipo con l’unica accortezza di ripassare in forno per pochi minuti le polpettine in  modo che i semini di sesamo tornino ad essere ben croccanti. Il letto di insalatina e pinoli deve essere invece rigorosamente preparato poco prima di servire il piatto, in modo che l’insalata non si afflosci.
Ingredienti per circa 35 polpettine: una carota, due zucchine, una melanzana piccola o mezza grande, mezza cipolla, un peperone rosso, 100 gr di ricotta, un uovo, un pizzico di peperoncino, 150 gr circa di semini di sesamo, sale, una manciatina di semi di finocchio. Se occorre, un cucchiaio di fecola di patate.
Procedimento: Affettare finemente la cipolla e tagliare a dadini il resto delle verdure.
DSC_0574
 
DSC_0578
Soffriggere leggermente la cipolla in pochissimo olio, aggiungere le restanti verdure ed i semi di finocchio e portare a cottura senza coperchio affinché il tutto resti piuttosto asciutto. Verso metà cottura aggiustare di sale ed aggiungere il peperoncino.
DSC_0580
 
DSC_0583
Le verdure dovranno risultare morbide ma integre.
Far intiepidire.
Aggiungere l’uovo sbattuto e la ricotta. Se il risultato fosse troppo morbido per riuscire a comporre le palline aggiungere un cucchiaio o due di fecola di patate, mescolare bene e far riposare un po’. Il composto deve comunque rimanere morbido.
DSC_0587
Comporre con le mani umide delle palline poco più grandi di una noce e rotolarle nei semini di sesamo (impossibile in questa fase fare delle foto!!!). Adagiarle direttamente nella teglia da forno ricoperta da carta forno.
Cuocere in forno preriscaldato a 170°C per 20 minuti circa (la copertura di semini deve colorarsi un po’).
DSC_0600
DSC_0598
Presentare a temperatura ambiente su un letto di insalatina e pinoli.
 
DSC_0608
L’interno si presenterà così… un bocconcino colorato profumato e sfizioso che vi farà….
152552228-53a4180f-30da-4b0d-9ff4-07af293cc7d8
… leccare i baffi!!!


















domenica 1 febbraio 2015

Rotolo goloso

 

DSC_0174

 

E’ una vecchia ricetta di mia mamma, adattata ovviamente con farine senza glutine. Facile, veloce, neutra per cui si presta sia con ripieno dolce che salato, versatile perché si può arricchire con una copertura, perfetto per chi vuol fare bella figura con poca fatica.

 

Ingredienti per l’impasto: 4 uova, 4 cucchiai rasi di farina (ho usato la Biaglut per pane e paste lievitate), 1 pizzico di sale, 1 cucchiaio di zucchero se si farcisce con ingredienti dolci, altrimenti no.

Ingredienti per la farcitura salata: 250 gr di formaggio cremoso consentito (io uso il Philadelphia) oppure di robiola o anche di ricotta mista ad abbondante parmigiano grattugiato. Prosciutto cotto q.b., verdure a scelta tagliate fini (zucchini, rucola, pomodoro da insalata), e tutto ciò che la fantasia o il gusto suggeriscono.

Ingredienti per la farcitura dolce: Ricotta o panna montata 250 gr, cioccolato spalmabile consentito q.b. (io ho usato la Nutella).

Procedimento per l’impasto: Montare a neve ferma 3 dei 4 albumi. Lavorare a lungo i tuorli ed il 4° albume con il sale e la farina (anche lo zucchero se si fa il rotolo dolce). Unire il tutto delicatamente senza far smontare l’albume montato a neve e spalmare su una teglia rettangolare rivestita da carta da forno. Infornare in forno preriscaldato a 180°C per 8-10 minuti (è pronto quando dorato ma soffice).

DSC_0092    DSC_0093

DSC_0095    DSC_0094

DSC_0096    DSC_0097

DSC_0098    DSC_0099

Procedimento per la farcitura salata: Frullare il formaggio con il prosciutto cotto fino ad ottenere una crema omogenea. Scollare delicatamente l’impasto dalla carta forno ma lasciarlo adagiato sopra. Fare uno strato di 1 cm circa sulla pasta raffreddata, ed aggiungere se gradite le verdure (tagliate finemente e cotte se necessario). Aiutandosi con la carta forno arrotolare il tutto, avvolgere nella stessa carta o in carta d’alluminio e tenere in frigo almeno un’ora. Tagliare a fette, meglio con coltello elettrico.

Procedimento per la farcitura dolce: Lavorare la ricotta fino ad ottenere una crema morbida, ed aggiungere il cioccolato spalmabile a piacere. Per il resto seguire il procedimento già descritto per la farcitura salata.

DSC_0173DSC_0178

 

DSC_0179

Ci si mette veramente pochissimo…. ed il risultato è…

155521262-babba449-2a51-41e9-ae99-d4872610a506

… da leccarsi i baffi!