Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

lunedì 17 ottobre 2011

Una torta vestita a festa

 
015
Dopo aver chiesto consigli a destra ed a manca (grazie foodbloggers senza glutine!), ed aver letto tutto il leggibile su come fare e lavorare la pasta di zucchero, ho ordinato i coloranti on-line (e qui devo ringraziare Vale) non essendo riuscita a trovarne di gluten-free nella mia zona ed ho elaborato il mio progetto. Per la precisione ho usato i coloranti in polvere della ditta Graziano, dopo aver telefonato per ulteriori rassicurazioni, garantiti senza glutine sul web ed etichettati come "Senza glutine" in bella vista.
Ieri mia figlia Silvia, dopo una lunga preparazione, in una giornata di festa coinvolgente e commovente, ha fatto la cresima insieme ad undici altri ragazzi della sua età, la maggior parte dei quali ho conosciuto bambini, addirittura in età da nido. Forse per questo ho sentito un'emozione particolare nel vederli tutti così felici e coinvolti, e da tempo desideravo dare il mio contributo affinché quella di ieri fosse una di quelle giornate da conservare nello scrigno dei ricordi felici. 
Così è nata l'idea di una torta che sapesse davvero di festa, dove dominasse il colore rosso della cresima. Non mi sono fatta smontare dalla mia inesperienza con la pasta di zucchero visto che nel passato ho fatto di tutto con la pasta di sale e con quella di mais, e che in attesa dei coloranti ho fatto degli esperimenti ben riusciti. L’unica difficoltà incontrata è stata la differente consistenza della pasta dopo l’inserimento del colorante rosso, che ho dovuto aggiungere in abbondanza per arrivare ad un rosso intenso, e che ha reso troppo friabile la pasta finora elastica e molto ben lavorabile. Per rimediare, memore del fatto che quando si lavora la pasta di mais si addiziona di crema per le mani quando la pasta diventa un po’ secca, ho aggiunto all’impasto rosso un po’ di burro, ungendomene le mani e rilavorando il tutto man mano che facevo le rose. Bè, ha funzionato, la decorazione ha retto sia al frigo che alle oltre sette ore a temperatura ambiente. Son più che cosciente dei tanti piccoli difetti e del fatto che devo migliorarmi, ma sono più che soddisfatta del risultato.
 010012013019195
Credo non sia trascurabile il fatto che fosse anche molto, molto buona…. morbida, gustosissima, è stato un po’ un dispiacere tagliarla ma ne è valsa la pena. Ho usato il mio solito pan di spagna, con la mia solita crema, trovate tutto QUI. Ho fatto con le dosi segnate due torte rotonde, ho tolto ad entrambe la crosticina superficiale, le ho tagliate in due, ed ho bagnato il primo strato con la solita bagna, aggiunto uno strato abbondante di crema e così per tre volte. Sul quarto strato, sempre dopo averlo bagnato, ho fatto aderire uno strato di marmellata, poi ho fatto lo stesso con i bordi per far aderire bene la copertura di pasta di zucchero. Ho poi aggiunto il nastro bagnando leggermente il sotto, ed il resto delle decorazioni che avevo fatto nelle ore precedenti e che erano già praticamente asciutte.
La pasta di zucchero, dopo varie consultazioni, l’ho copiata da QUI e l'ho trovata molto semplice da eseguire e lavorare, anche se come già detto il colorante rosso mi ha messa in difficoltà.
Per le rose ho seguito in parte i consigli di  mia cognata, in parte la descrizione dei petali che Francesca racconta in modo magistrale QUI (vi prego però non fate paragoni tra le mie rose e le sue...!)
Per le foglie ho preso una foglia di rosa dal mio giardino, ho usato il retro come stampo per imprimere le venature, ho tagliato il contorno e poi fatto tutti i taglietti con un coltellino a lama fine.
Pur lontana dalla perfezione, ha entusiasmato ragazzi e genitori, ed ha aggiunto un piccolo tocco alla gioia di una giornata da ricordare. E ci siamo inoltre….
SI4CATP2NZCCA2ALL9LCAX3BLQSCAYS25F1CA9OC3TOCAYE8MEWCAD9C6FOCAG3IRD9CAV2KNMFCALXK1CCCA87C4PHCA06NE05CAWYSYDXCAAQ11B3CALPS5HHCAY06EA2CAI3YRMZCAZQSG5ZCAIGKSAN
… leccati i baffi!

20 commenti:

  1. complimenti cara cugina, so che è complicato fare la pasta di zucchero con i coloranti, ma il tuo lavoro è perfetto!
    tanti auguri!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Non ci credo che è la prima volta!!! Sei stata super mega stra brava!!!

    RispondiElimina
  4. uguale uguale al commento di stefania: non può essere la prima volta!!!! sei troppo brava, le tue roselline sono perfette, e pure il nastro. e che dire delle foglie?

    e poi anche il disegno è splendido, così elegante e festoso.

    insomma, non ho parole.
    ti dico solo che volevo pubblicare la torta che ho fatto per il compleanno del mio piccolo, ma non posso farlo, dopo che hai pubblicato questa meraviglia!

    insomma, sei troppo oltre!

    RispondiElimina
  5. e' meravigliosa!!!!
    io quando faccio le torte o i muffin,uso la farina di riso!!!
    la tua e' davvero fantastica!!!
    ciao carla

    RispondiElimina
  6. Cara Anna,

    Encora auguri por la Silvia!
    La torta è molta bella...
    Baci,

    Mariette

    RispondiElimina
  7. Auguri Silvia! bravissima, questa torta è un chef-d'oeuvre e lo sapete vero?? magnifica.
    Ho letto la tua intervista, che bella persona e che bella donna che sei!
    bacioni .X

    RispondiElimina
  8. si va beh, allora dillo che parti già bravissima di tuo!!! ed io che mi offrivo anche di aiutarti nel caso avessi avuto bisogno con la pdz...se vedessi come sono le mie di torte!!! BRAVISSIMA ANNA :))

    RispondiElimina
  9. Cara Anna,
    ho letto male? "Son più che cosciente dei tanti piccoli difetti e del fatto che devo migliorarmi" ???
    Hai creato una torta meravigliosa! sembra che le roselline sprigionino il loro profumo delicato.. e quel fiocco.. sembra di raso! Seguirò i tuoi consigli alla lettera e così finalmente potrò fare anche io la pasta di zucchero! Grazie di aver postato i link sui coloranti senza glutine! Ho iniziato un blog di cucina senza glutine e se avrò dei dubbi..qui troverò tutto ciò che mi serve!

    RispondiElimina
  10. Immagino che tu sia perfezionista, ma non vedo difetti e la manualità acquisita lavorando la pasta di sale e di mais si vede! Torta stupenda e incredibile l'emozione da te descritta. Noi quest'anno faremo la prima comunione, dico noi perchè sono molto coinvolta e non solo come mamma con Ale ed i suoi amici e con alcuni abbiamo vissuto assieme il battesimo. Sono momenti incancellabili! peccato tu sia così lontana altrimenti so a chi avrei chiesto di fare la torta un abbraccio carissima

    RispondiElimina
  11. Bè, mi inchino alla sua bravura...senza parole! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. E' è bellissima!! Ma dove sono le imperfezioni?! Per me è promossa a pienissimi voti! Sei davvero bravissima Anna!!! Ciao

    RispondiElimina
  13. è davvero bella, poi quella fettona in primo piano mi fa venire l'acquolina. Sei stata davvero brava

    RispondiElimina
  14. Questa torta é una festa!!! Mi viene da chiedermi se questa è la prima cosa farai prossimamente? fai bene ad essere soddisfatta sei stata bravissima e perfetta in tutto!

    Il rosso come il nero tendono a cambiare la consistenza della pdz la rendono molto friabile difficile da lavorare.

    Francesca

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia!!! Complimenti davvero, sei stata bravissima!!! Ma come hai fatto a fare così bene queste roselline?!?! sono perfette!!! Bravissimissima!!! E poi anche la consistenza della torta sembra meravigliosa, bella spugnosa e soffice...brava brava e brava!!!
    Un bacione
    Ema

    RispondiElimina
  16. Ragazze stamattina avevo scritto un lungo commento per rispondere a tutte voi... poi un black-out mi ha impedito di spedirlo. Lo riscrivo... cercando di ricordare tutto. Dicevo più o meno:

    Ciao a tutte e scusate il mio solito ritardo nel rispondere ai vostri sempre graditissimi commenti!

    ♥ Patrizia no, non è perfetto ma sono davvero contenta del risultato ottenuto!
    ♥ Stefania le tue parole mi lusingano ma davvero, non avevo mai fatto né usato prima la pdz. E mi ci sono divertita immensamente! Grazie per i complimenti :))
    ♥ Gaia no, non dirlo neanche per scherzo! Se la torta di cui parli è quella che ho visto su Flirck è bellissima, tanto che l'ho messa tra i preferiti per copiarla.... non so se sai che sono un'astrofila, ed ho pensato di fare una sorpresa prima o poi ai miei colleghi dell'associazione (Associazione Astrofili Galileo Galilei) e portar loro una sera proprio quella torta con luna e stelle..... e poi magari postarla.... ma se tu non la pubblichi io come faccio a linkarla sul tuo blog???? Sono anche curiosa di sapere cosa c'è dentro... DEVI pubblicarla!!!
    ♥ Carla grazie, io sono un po' imbranata con la farina di riso, mi viene tutto troppo friabile.... mi sa che devo prendere qualche lezione da te! Intanto mi sono iscritta al tuo blog :)
    ♥ Mariette grazie, sei sempre molto carina :)
    ♥ Sonia ma ci credi che io la rivista non l'ho ancora trovata? Mi sa che verrò in Sicilia per leggerla :))))) Anche a te grazie infinite.... mi sento quasi in imbarazzo per tutti questi complimenti!
    ♥ Vale.... un abbraccio speciale ♥
    ♥ Elisa stamani ti avevo scritto un commento lunghissimo.... per dirti che non ti ho chiesto aiuto solo perché non ho la tua mail e non sapevo come rintracciarti! In quanto alle tue torte.... mandami una foto! Sono sicura che sono bellissime :)
    ♥ Micol grazie anche a te, non parlo delle imperfezioni per farmi fare i complimenti ti assicuro, ne vedo molte anche se non gravi. E migliorerò!
    ♥ Fabiana sì, sono una perfezionista... della serie o bene o niente. Sono contenta di come è venuta ma so che si può fare meglio e lo farò. In quanto alla cresima è stata davvero coinvolgente ed emozionante.... e quei dodici ragazzi vestiti tutti uguali, con felpa bianca e jeans, mi hanno regalato un momento di pura gioia.
    ♥ Tinny.... ed io mi inchino alla tua simpatia, che leggere i tuoi post mi restituisce sempre un sorriso.
    ♥ Jè.... grazie di cuore :) le imperfezioni ci sono eccome, diciamo che le ho sapute camuffare bene :))))
    ♥ Concetta, in effetti era buonissima!!! Il che ha fatto piacere forse più della sua bellezza :)
    ♥ Francesca un tuo complimento vale doppio se non di più... tu riesci sempre a farmi rimanere a bocca aperta, e da te ho tutto da imparare. Non sai quante volte ho girato sul tuo blog ultimamente, mi sarebbe piaciuto ottenere delle rose più sottili, non è stato possibile per la consistenza della pasta rossa, però la tecnica dei petali l'ho copiata da te! E ti ringrazio ancora di cuore.

    Un abbraccio a tutte!!!

    RispondiElimina
  17. ♥ Ema mi hai scritto mentre io pubblicavo le mie risposte ai commenti! Grazie anche a te.... come ho fatto lo dico, c'è il link della pagina dove Francesca del Blog "Torte e decorazioni" spiega fase per fase come fare...... per il resto mi ha aiutato molto aver lavorato nel passato delle paste non commestibili ma dalla consistenza simile. Ciao :)

    RispondiElimina
  18. Io non so cosa dire, io invece la vedo ben vicina alla perfezione. Sei stata bravissima, complimenti. In gambissima. Penso che tua figlia sarà stata orgogliosa di avere una mamma così. Non solo per la torta. Auguri per Silvia. Un bacio

    RispondiElimina