Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

mercoledì 21 dicembre 2011

Tordelli versiliesi, senza glutine

 
 
050 
 
Nannarè ma che fai, errori di battitura proprio nel titolo???

No, non è un errore:  in Versilia questa pasta ripiena di carne e bietola si chiama proprio così.

Confesso di non averli mai mangiati prima. Né tantomeno cucinati. Ne ho sentito parlare spesso da un amico virtuale come di una specialità, tanto da incuriosirmi e girare tra i siti internet e tra i libri di cucina toscana alla ricerca della ricetta originale. Non so se esista una ricetta precisa, ne ho trovate moltissime versioni, e come spesso succede alla fine non ne ho usata nessuna ma mi sono basata sui miei gusti e sui prodotti che avevo in casa, sia pure nel pieno rispetto degli ingredienti tradizionali.
 
Ingredienti per la pasta : per questa ho usato  la ricetta già sperimentata per i ravioli di ricotta e spinaci, vista l’ottima riuscita. L’unica differenza è che stavolta ho usato la macchinetta per stendere la pasta, che mia mamma mi ha regalato quando ha scoperto che la pasta fatta in casa la stendevo con il mattarello!!!
Ho usato: 500 gr di farina Bi-Aglut per pane e paste lievitate, 4 uova, 5-6 cucchiai di acqua, 4 cucchiai d’olio extravergine di oliva, un pizzico di sale.
Procedimento : fare la fontana con la farina, mettervi nel centro le uova, l’acqua, il sale e l’olio, far incorporare impastando dal centro verso l’esterno. Oppure usate un'impastatrice... o il Bimby come  ho fatto io :)
Lavorare fino a quando l’impasto sarà ben omogeneo e morbido. Avvolgere il panetto ottenuto in un telo di cotone e far riposare.

Ingredienti per il ripieno: 300 gr di carne di manzo e maiale macinata, 300 gr di bietola cotta senza coste, mollica di pane (ovviamente senza glutine...) circa 50 gr, olio extravergine di oliva q.b., 1 tazza di brodo vegetale, 3 cucchiai di parmigiano, 3 cucchiai di pecorino, 2 uova, la punta di un cucchiaino di cannella, un pizzico di noce moscata, pepolino (timo), prezzemolo, basilico, sale, pepe.

Procedimento: Mettere in ammollo il pane nel brodo. Versare in una padella un po’ d'olio, sale, pepe, basilico, prezzemolo e pepolino finemente sminuzzati, e soffriggere. Unire la carne, la fettina di pane tritata e far cuocere lentamente. Prima di togliere dal fuoco, aggiungere il formaggio e le spezie e lasciar insaporire. Unire la bietola lessata, ben strizzata e tritata, e amalgamare il tutto. Far raffreddare, unire le due uova sbattute e mescolare bene.
 
025






Stendere la pasta con un mattarello o con l’apposita macchinetta e ritagliare dei cerchi del diametro di circa 10 cm. Io ho usato un coppapasta, ma va bene anche un bicchiere di vetro fine della misura adatta.

034
Mettere su ogni cerchio di pasta un cucchiaino colmo di ripieno.

029
Piegare in due ogni cerchio premendone i bordi e stando attenti a non far fuoriuscire il ripieno. Sigillare bene con i rebbi di una forchettina. Man mano che sono pronti, adagiare i tordelli  su un vassoio infarinato. Su consiglio di Anna de “Il ricettario di Anna” li ho cosparsi di farina fine di mais (Nutrifree)  e questo ha fatto sì che non si attaccassero tra loro.

031
Con queste quantità ho fatto circa 45 tordelli, sufficienti per 7-8 persone considerato che con 5-6 si riempie un piatto (quello nella foto è un piatto da pizza).

041
Lessare i tordelli in acqua salata bollente per almeno due minuti dopo che sono venuti a galla. Io ho avuto paura che mettendone troppi insieme si rompessero ma hanno retto benissimo alla cottura e non ci sono stati danni neanche dopo che, rassicurata dalla riuscita dei primi dieci, ne ho buttati 20.
          051
Il condimento classico è un buon ragù, ma sono ottimi anche con burro e salvia e cosparsi di parmigiano.
Non pretendo di insegnare a nessuno come si fa il ragù, ma una piccola dritta per renderlo particolarmente profumato ed un po’ speziato sta nel mettervi un po’ di questa polverina magica:

054
Il mio ingrediente segreto (che in realtà non è mio ma di mia mamma) non è altro che un misto di spezie preparato in queste proporzioni:  1 cucchiaio di noce moscata macinata, uno di chiodi di garofano macinati, 1/4 di cucchiaino di cannella in polvere, pepe o peperoncino a piacere. Un cucchiaino di queste spezie in una bella pentola di ragù lo renderà indimenticabile,  profumerà di buono la cucina, e tra tordelli e ragù…

images (12)
… vi leccherete i baffi! 




11 commenti:

  1. Anna che piatto delizioso...! sono veramente intenzionata a fare la fasta fresca all'uovo per queste feste... e tu mi hai dato una bella idea!
    Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  2. grazie di cuore per il commento.
    stupenda la tua ricetta.

    RispondiElimina
  3. hhhhh perfetti!!! molto molto golosi! brava cara! ti auguro un felice Natale e spero che ogni problema sia sparito! bacioni affettuosi .XX

    RispondiElimina
  4. mai mangiati... dovrò rimediare

    auguri! auguri!

    Vale

    RispondiElimina
  5. Davvero un piatto da gustare in compagnia!
    Se non ci leggiamo prima auguro a te ed ai tuoi cari un Natale ricco di serenità e gioia e un Nuovo Anno foriero di sogni realizzati. Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ah, la mamma è sempre la mamma! Sei molto brava a fare la pasta fresca :))
    Sai che in questi giorni proverò i tuoi gnudi? Un mega bacio

    RispondiElimina
  7. Ciao cara Anna!
    sono passata per augurarti serene feste e un anno pieno di soddisfazioni, amore e gioie!!
    Ciao ^_^

    RispondiElimina
  8. Ciao Anna, auguri anche a te!!!

    *neve*

    RispondiElimina
  9. Ciao tesoro!
    Grazie x la tua "visita natalizia" al mio blog...
    ...non so se tu per abitudine torni o meno a leggere le risposte, per cui "trasporto" qui quella che ti ho lasciato su "Charity Drops", perchè ci tengo davvero che tu la legga...
    ... buon Natale te e a tutti coloro che porti nel tuo cuore!

    *********

    * "Anna, che immenso piacere, ciao !
    Come stai tesoro?
    Perdonami, anch'io non passo da te da un pò...o meglio "non commento"...perchè non riesco a tenere a freno i miei impeti spirituali, e mi rendo conto che "trapanare" con le mie idee a chi è refrattario all'argomento per sue ragioni (che RISPETTO) può essere molesto...ma anche tu sei sempre nel mio cuore e nelle mie preghiere...e questa tua visita è la più impressionante dimostrazione di QUANTO Egli mi abbia ascoltata...come sono felice!
    Che bel regalo di Natale!
    Anch'io auguro a te il meglio del meglio, in ogni dove, tesoro mio, sempre..."

    Un bacio!

    M@ddy

    RispondiElimina
  10. bellissima ricetta, e favolose foto, non potevo non passare anche per farti gli auguri per un sereno natale. Baci

    RispondiElimina
  11. devo provare la tua ricetta per la sfoglia visto che la vedo bella sottile ed elastica..la mia si secca e si rompe sempre..

    RispondiElimina