Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

sabato 21 gennaio 2012

Passata di ceci con pioppini e tartufo

005



Prima di tutto sento l’esigenza di ringraziare Stefania e la sua bella iniziativa delle ( st )renne senza glutine che mi ha portata a fare una ricerca sulle zuppe toscana nella speranza di portarne una originale, che sul web non si trovi. Per puro caso mi è capitato tra le mani un libretto pubblicato da Coop e Il Tirreno, collana “La grande cucina toscana”, titolo: “Al contadino non far sapere: zuppe”. Ricette fornite dai ristoratori toscani, ho esitato molto prima di decidermi, me ne piacevano molte “a naso”… poi ho scelto questa, di Liano Pratesi della “Osteria dei Cavalieri” di Pisa, un locale dove ho mangiato più volte anche se non sono una che frequenta volentieri i ristoranti, e dove ho mangiato molto bene. Per questo mi fa molto piacere pubblicare oltre alle mie foto anche quelle che  mi ha inviato il signor Liano Pratesi.


DSC03794        DSC03792

L’ingresso del locale, nel cuore antico della mia bella Pisa, e Liano Pratesi, autore della ricetta.


DSC03787[4]

Il passato originale su uno dei tavoli dell’Osteria dei Cavalieri Sorriso

(Sia ben chiaro che la mia è pubblicità spontanea e gratuita!)


Questa ricetta non la conoscevo, ma non c’è un solo ingrediente che non mi piaccia, e poteva essere solo ottima. Inoltre non c’è un solo ingrediente a rischio di glutine, e questa è stata la spinta che mi ha fatto decidere per questa ricetta tra le tante altre.
 
001
 
Ingredienti per 4 persone:
Per il passato di ceci: 150 gr di olio extravergine di oliva toscano, 200 gr di cipolla bianca, 400 gr di polpa di pomodoro maturo, 500 gr di ceci, brodo vegetale, peperoncino, 3 foglie di salvia, 2 foglie di alloro, noce moscata, sale.
Per i pioppini: 100 gr di olio d’oliva extravergine toscano, 1 spicchio d’aglio, salvia, peperoncino.
Procedimento:
Stufare la cipolla tagliata grossolanamente, unire la polpa di pomodoro ed i ceci precedentemente ammollati (li ho messi in acqua per tutta la notte), allungare con brodo vegetale, unire la salvia, l’alloro, la noce moscata, regolare di sale e far cuocere per circa 60 minuti a fiamma vivace. Frullare il tutto fino ad ottenere una crema liscia.
A parte cuocere i pioppini precedentemente puliti e mondati con olio, aglio, peperoncino e salvia per circa 20-30 minuti, regolando di sale. A cottura ultimata unire alla crema di ceci e servire ben caldo con olio a crudo, grattandoci tartufo bianco di San Miniato lamellato.

003
 
Le mie modifiche: ho usato meno olio di quello consigliato (circa la metà, per abbassare un po’ le calorie visto che sto cercando di perdere i chili presi durante le feste) e siccome non ho avuto la possibilità di cercare il tartufo ho optato per un ricciolo di burro tartufato home made (ricetta qui) di ottima qualità per ogni piatto.  
 
 
001 (2)
 
Il risultato è stato … indovinate?
 
 
S5PCA0W6LDHCATBCMB0CAJE9BFPCAOIUG1VCAJ3MQXTCAI2UEFCCA666479CARDVNS0CAPAFH8HCA6YOVZ3CAYIV2PRCA16LYHICAC25PP0CA9VUYALCARCO162CANXRKP5CAMA3NNXCAS98RATCA3TYCII
 
… da leccarsi i baffi!
 
E per chi non l’avesse capito, con questa gustosa ricetta partecipo al contest delle Mine-(ST)renne’s di Stefania
 
minestrenne glufree 

25 commenti:

  1. Ma questa la provo subito!!! Ho tutto tranne i funghi freschi delle vostre parti che sono buonissimi. Mi accontento di quelli surgelati. Complimenti per la zuppa molto golosa :)
    Un bacio Annina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena mia figlia che non è un'amante delle zuppe dopo il primo cucchiaio mi ha detto: mamma ma è divina! E lo è :)

      Un abbraccio
      Anna

      Elimina
  2. ...e il genero ringrazia!!! :* Rifalla presto!!!! ;)

    RispondiElimina
  3. Che bintà e cremosità! il profumo del tartufo è sublime! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Micol, ed il sapore non è da meno. Da fare in una serata fredda al tuo tesoro :)

      Elimina
    2. Puoi dirlo forte! Fabio è tartufo-dipendente! ;)

      Elimina
  4. ASSOLUTAMENTE DA RIFARE AL PIù PRESTO! Anche io amo tutti gli ingredienti di questa zuppa e già immagino il sapore...
    Ti inserisco subito in elenco! :)
    Grazie mille per la tua partecipazione! :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Stefania, per l'entusiasmo che trasmetti... in quanto alla partecipazione è solo un piacere :)

      Elimina
  5. Ciao Mamy... passa da me, ti ho premiata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Smack... appena ho tempo mi ci metto :)

      Elimina
  6. Ciao Anna! passa da noi! hai ricevuto un premio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è lo stesso premio che mi ha dedicato mia figlia!!! Allora devo farlo davvero :))))

      Elimina
  7. wooooooooooow che delizia! complimenti, un bacio :)
    ps: ho realizzato un nuovo concorso "Fashion Food": in premio 100 euro di shopping! Ti aspetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto, bellissima iniziativa.. temo però di non avere le capacità per partecipare e soprattutto di avere troppo poco tempo per provarci :)
      Grazie comunque dei complimenti e dell'invito

      Elimina
  8. Che delizia!! Ma è tipo quella di Antonio? (al momento non la ricordo bene..)
    Ma si può usare anche i funghi congelati e secchi al posto dei pioppini? Mammamia che fame... La devo fare al più presto!!

    Ti mando un bacio enormissimo :))
    Sesè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La base è simile, non proprio uguale, ma i funghi ed il tartufo le danno davvero una marcia in più, provare per credere :)

      Elimina
    2. p.s. un bacio anche a te <3

      Elimina
    3. Ah, e riguardo ai funghi secchi o congelati, penso proprio di sì, vanno bene, anche se io ho usato pioppini freschi.

      Elimina
  9. Buonissima, da provare e quindi grazie della ricetta....in bocca al lupo per il contest, ciao Flavia

    RispondiElimina
  10. Tu ringrazi Stefania e io ringrazio te: perché mangiare gluten-free non significa mangiare piatti tristi, come dimostra questa superba zuppa.
    Un ringraziamento sincero da parte di una glutinosa che sta scoprendo le meraviglie del gluten-free e la bravura di donne come Stefania e come te, alla costante ricerca di ricette gustose e raffinate, perfettamente gluten-free.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle tue belle parole, e per esserti iscritta al mio blog. Il gluten free è una sfida, ma dà anche molte soddisfazioni!

      Elimina
  11. Risposte
    1. Li adoro anch'io così come tutti gli altri ingredienti, credimi è una goduria :)

      Elimina